_FORUMRSSFEED_Rispondi

Giornata internazionale dei diritti dello studente – corteo

Pubblicato il 13/11/2010 07:11

route66
Truppa

Contributi: 3

Sesso: _NEUTRAL_
Online: No

Giornata internazionale dei diritti dello studente - corteo

Pubblicato il 13/11/2010 07:11 | ID:#post14277

GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLO STUDENTE

ORE 9 PIAZZA ANTONELLO

A seguire ore 13.00 – 24.00, Rettorato (Piazza Pugliatti): MUSICA DAL VIVO, INCONTRI, DIBATTITI.

“UniMe in Protesta”

Email: studenti-unime@googlegroups.com
Gruppo Facebook: “UniMe in Protesta”

__________________________________________________________________________________________

Cosa sta accadendo, oggi, all’università pubblica italiana? I tagli all’istruzione e alla ricerca - pari a 1,5 miliardi di euro, previsti dalla Finanziaria - comporteranno: l’ aumento progressivo delle tasse; la riduzione dei servizi agli studenti (diminuiranno le borse di studio, le mense, le case dello studente, ecc.); il peggioramento della qualità della didattica; l’ombra dei privati sull'università pubblica (il Ddl Gelmini prevede che il 40% di un CdA venga composto da membri esterni, estranei al mondo accademico, enti privati).
Perché il 17 Novembre? Il 17 Novembre 1939 più di 1200 studenti cecoslovacchi, che si opponevano alla guerra, furono uccisi dal regime nazista. Il 17 Novembre 1973 la mobilitazione studentesca avviò la caduta della dittatura militare in Grecia. Il 17 Novembre 1989, ancora in Cecoslovacchia, una pacifica manifestazione studentesca venne repressa duramente dalla polizia anti-sommossa; tale episodio fu l’innesco della cosiddetta rivoluzione di velluto, che rovesciò il governo comunista. Nel 2004 l’assemblea studentesca mondiale, riunita al Forum Sociale Mondiale di Bombay, India, ha lanciato, per la data del 17 Novembre, una mobilitazione internazionale sui diritti degli studenti e sull’accesso al sapere; da allora questa data si è caratterizzata come un Primo Maggio degli Studenti.

Consapevoli dell’importanza del nostro ruolo di Studenti universitari; convinti nel portare avanti una mobilitazione che sia capace di coinvolgere, oltre al mondo accademico, tutti soggetti sociali che in questo momento stanno pagando il prezzo della crisi economica; determinati nella difesa del sistema welfare negli ambiti dell’istruzione, della ricerca ma anche della sanità e del lavoro riteniamo necessaria la partecipazione alla “Giornata Internazionale dei diritti dello Studente”. Affinché l’università sia il luogo vero della formazione di soggetti critici e di cittadini responsabili - capaci di tutelare, attraverso scelte politiche consapevoli, i “beni comuni” - quel giorno saremo tutti in piazza a manifestare!

 
Danika
Truppa

Contributi: 5

Sesso: _FEMALE_
Online: No

Riprendiamoci il futuro

Pubblicato il 20/11/2010 06:11 | ID:#post14387

“La speranza ha 2 bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio”.
Questa citazione di S. Agostino l’ho sentita fare ad uno studente universitario nell’incontro-dibattito sulle scale del Rettorato, a conclusione del corteo contro la riforma Gelmini che il 17 Novembre a Messina ha visto la partecipazione di sole 200 persone sad .
E senza ricordare queste parole è difficile resistere alla delusione di vederci così pochi a manifestare, a lanciare un grido di allarme dinanzi alla prospettiva di sfascio cui sta andando incontro l’Università pubblica. :
Per fortuna il web serve ad alimentare la speranza : , rimbalzando immagini da tutta Italia dei 100 cortei in oltre 50 comuni, che si sono messi in moto sotto lo stesso titolo:
"Ci riprendiamo il futuro".
Da Torino a Palermo gli studenti sono scesi in piazza, insieme a professori, genitori e sindacati, per protestare contro tagli e riforma Gelmini. L'obiettivo è collaborare per riformare davvero l'istruzione pubblica italiana : , rilanciare la ricerca 8) , produrre idee positive laugh e ribadire che "senza investire sulla conoscenza il lavoro di domani non esiste" : .
Denunciano la precarietà "come unica risposta alla disoccupazione" e sfilano per le strade "per un mondo più giusto, meno orientato ai consumi sfrenati, più rispettoso verso l'ambiente". laugh

Alle dieci e trenta della mattina del 17 Novembre è partito il primo corteo: da Piazza Barberini, centro di Roma. Nel pomeriggio inoltrato l'ultimo, da piazza Caricamento, nella Genova che s'affaccia sul porto. Duecentomila a sfilare, e un'impressionante varietà di bandiere e slogan per una protesta che non trova la visibilità dell'ultima Onda, ma mostra una tenuta stagna: sono quasi tre mesi che procede senza segni di resa.
Le scuole superiori di Genova e Trieste sono ormai per metà occupate, se ne aggiunge una nuova ogni ora. Ieri sono state prese in consegna due facoltà a Catania, Lettere e Lingue, più un paio di licei romani. In Toscana - a Empoli, a Pisa e Livorno, a Siena, ad Arezzo - la protesta ha saldato scolari, professori, presidi. Colpisce, a questo giro di manifestazioni, la partecipazione del Sud. La Sicilia ha visto sfilare cortei in nove città.
Camioncini con il sound system hanno dettato i tempi agli slogan: "Noi la crisi non la paghiamo" e "Non saremo mai come ci volete","Governo precario, generazione di precari: vediamo chi cade", "Oggi non lavoro, oggi non mi vesto: resto nudo e manifesto".

LE MANIFESTAZIONI CITTA' PER CITTA'

ROMA
Cortei e slogan: "Quale futuro fra queste macerie?" 2
FOTO - Il grido della Sapienza 3
AUDIO - L'occupazione dei genitori alla Montessori 4
VIDEO - Studenti in piazza: Roma blindata 5

BOLOGNA
In duemila contro il governo: "Rivogliamo il nostro futuro" 6
LEGGI - La cronaca della manifestazione 7
FOTO - Il mercoledì di protesta 8
FOTO - In prefettura 9
FOTO - I volti 10
FOTO - Slogan 11

TORINO
Bloccata la stazione di Porta Nuova 12
FOTO - Il corteo degli studenti 13

NAPOLI
Scuola, studenti in piazza contro la riforma Gelmini 14
FOTO - In corteo per dire no ai tagli 15

MILANO / LA DIRETTA
"Sulla torre anche noi studenti" 16
FOTO - Gli immigrati in corteo con gli studenti 17
FOTO - Occupata la Statale 18

PARMA
Centinaia di studenti in piazza 19
FOTO - La partenza del corteo 20
FOTO - Il serpentone di studenti 21
VIDEO - Un'invasione colorata 22

FIRENZE
Cinquemila in piazza: "Combattiamo i profitti" 23
FOTO - La manifestazione 24
LA POLEMICA - Corteo sul viale, l'assessore s'arrabbia 25

BARI
Duemila studenti in corteo 26
FOTO - "Creiamo un mondo nuovo" 27

PALERMO
l corteo si sdoppia: uova alla banca, occupato il rettorato 28
FOTO - La protesta degli studenti 29

GENOVA
In piazza per il diritto allo studio 30

BOLZANO
Cinquecento studenti in corteo contro la riforma Gelmini 31

TRENTO
Mille in piazza, fumogeni contro la sede dell'Arcivescovile 32

TRIESTE
Studenti in corteo, sulle occupazioni indaga la Procura 33

UDINE
La pioggia non ferma la protesta degli studenti 34
FOTO - Le immagini 35

IN ABRUZZO
Dall'Aquila a Pescara studenti in piazza per dire no alla riforma 36
FOTO - All'Aquila gli studenti sotto la Regione 37

PISA
Scontri al corteo contro i tagli, contusi alcuni studenti 38
FOTO - Tensione nei pressi della sede di Confindustria 39

PISTOIA
In marcia dopo il crollo del solaio a scuola: chiediamo sicurezza" 40
FOTO - "Pericolo, studente incazzato" 41

PRATO
Il corteo degli studenti paralizza il centro 42
FOTO - Traffico bloccato per "difendere i diritti" 43

IN SARDEGNA
Da Sassari a Cagliari la protesta contro la Gelmini 44

PADOVA
Un migliaio di studenti in corteo: "Ora sciopero generale" 45
FOTO - I ragazzi si appellano alla Camusso 46