Categoria: Generale » Aggiornamento del 30 Aprile

Aggiornamento del 30 Aprile

Aggiornamento del 30 Aprile

 Bocciato il piano di rientro per le università netto taglio dei posti regionali.

 Cari Colleghi,

 
si è appena conclusa la maratona relativa all'approvazione del Bilancio Regionale 2011 e della Legge Finanziaria Regionale.
Purtroppo, è stato interamente accantonato il maxiemendamento alla Legge Finanziaria, all'interno del quale era prevista l'approvazione dell'auspicato Piano di rientro triennale dal debito contratto dalla Regione con le Università relativamente al capitolo dei posti aggiuntivi regionali per le scuole di specializzazione di area sanitaria. Cade, pertanto, l'ultima possibilità, almeno per quest'anno, per mettere un punto a tale annosa vicenda, i cui risvolti si ripercuoteranno inevitabilmente sul presente, ma, soprattutto, sui futuri anni. La politica regionale ha ritenuto di differire la risoluzione di tutte le problematiche, che si proponeva di affrontare il maxiemendamento, a data da destinarsi in sede legislativa e comunque non in tempo per la prossima scadenza dei bandi di concorso per l'accesso alle scuole di specializzazione del corrente anno accademico 2010/2011.
Rimarrebbe in piedi (ma anche su questo attendiamo una conferma che non potremo avere prima della prossima settimana) lo stanziamento di 3 milioni di euro in Bilancio (ad opera della Commissione Sanità che ringraziamo in tutte le sue componenti, a cominciare dal Presidente, On Laccoto) ad integrazione del Capitolo concernente i finanziamenti regionali per i contratti di formazione medico-specialistica, ma, come ampiamente annunciato nei precedenti comunicati, tale somma non rappresenterebbe in ogni caso elemento di soddisfacimento alcuno per le Università siciliane, motivo per il quale si andrà già per il corrente anno per il taglio del contingente dei posti aggiuntivi regionali, oltre il già annunciato taglio lineare del 12%. Dell'entità del taglio, a questo punto, se ne assumeranno la responsabilità l'Assessorato Regionale della Salute e le Università, nel corso di un incontro che si terrà a breve scadenza tra Assessore e Rettori.
Noi, per parte nostra, riproporremo la proposta presentata in sede di Commissione Sanità dell'ARS in data 13 aprile 2011, in concomitanza al nostro sit in che ha avuto luogo di fronte a Palazzo dei Normanni: ricordiamo per inciso che, a fronte della richiesta di riduzione dei contratti del 40-50% concordata dai Rettori con l'Assessorato, abbiamo chiesto che la riduzione per il corrente anno accademico sia contenuta al 25% e sia portata al 40% a partire dal prossimo anno accademico, in modo da dare per tempo ai colleghi laureandi la possibilità di poter programmare le proprie scelte. 
Da parte nostra, oltre di garantire il massimo impegno a limitare i danni, continueremo ad informarvi puntualmente sugli sviluppi, cercando di seguire con spirito critico le evoluzioni della politica, senza incorrere nell'errore di scadere in facili entusiasmi e dare illusioni ai giovani medici aspiranti specializzandi, come purtroppo impropriamente fatto da alcuni colleghi che da qualche tempo a questa parte si sono improvvisati in iniziative "cosmetiche" dell'ultimo momento, il cui unico risultato è stato quello di diffondere prima notizie imprecise per poi aggiustare il tiro ribadendo notizie che da tempo sono state puntualmente fornite dal nostro movimento. Dispiace dover sottolineare ciò, ma non possiamo non tacere siffatte azioni che tendono a speculare sulla condizione di centinaia di colleghi aspiranti specializzandi siciliani, peraltro riunitisi in comitato, seguiti con dedizione e costanza da tre anni a questa parte dal SIGM-SIMS. Forse una possibile spiegazione di tale tentativo maldestro di presunto interessamento per le sorti degli aspiranti specializzandi potrebbe trovare spiegazione nella previsione del rinnovo nei prossimi mesi della rappresentanza degli specializzandi all'interno dell'Osservatorio Regionale della Formazione medico specialistica. Vedremo se in futuro le nostre previsioni si concretizzeranno. Noi, intanto, cogliamo l'occasione per ringraziare tutti i colleghi che hanno riposto la loro fiducia nei nostri confronti, spendendosi in prima persona ed uscendo anche soldi di tasca propria per cercare di organizzarsi per difendere i propri diritti.
 
 
Il Comitato aspiranti specializzandi Catania, Messina, Palermo 
Le sedi SIGM Catania, Messina, Palermo

Non ci sono commenti.







  • Cliccando il tasto sottostante si accettano i termini e le condizioni del sito.Termini e Condizioni

  • Oppure utilizza Facebook per accedere in modo semplice e veloce e saltare tutti i passaggi della registratione.
    Registrati utilizzando facebook

Prontuario Farmaceutico Online

Prontuario farmaceutico online